Libri di risparmio

Tra i metodi d’investimento più popolari ci sono, naturalmente, i libretti di risparmio. Questi hanno molti vantaggi, tranne il fatto che anche i bambini possono accedervi, il che significa che possiamo investire in libretti da bambini. È l’investimento più popolare per chi vuole investire i propri risparmi come misura precauzionale. L’altro grande vantaggio dell’investimento in libretti di risparmio è il fatto che esiste una garanzia in relazione al proprio investimento. Scegliere un conto di risparmio significa anche poter usufruire del vostro denaro, il che significa che potete prelevare in qualsiasi momento l’importo desiderato in base alle vostre esigenze. Infine, i libretti di risparmio offrono un vantaggio significativo in termini di esenzione fiscale. Potete saperne di più consultando l’hedios avis.

I diversi tipi di libretti

Attualmente esistono diversi tipi di libretti di risparmio che potete scegliere in base alle vostre esigenze. Il più popolare tra i libretti regolamentati rimane naturalmente il Livret A, il cui tasso d’interesse è fissato allo 0,75%. A parità di tariffa, il Livret Développement Durable et Solidaire o LDDS si basa però su un tetto inferiore, 12.000 euro contro i 22.950 euro del Livret A. Tra gli altri libretti conosciuti, viene menzionato anche il Livret d’Épargne Populaire (LEP), che, a differenza degli altri, non è adatto a tutti. Solo chi rispetta un determinato tetto massimo in termini di reddito può beneficiarne. Tuttavia, il LEP ha il vantaggio di avere un tasso più elevato rispetto agli altri, ovvero l’1,25%. Mentre i libretti di risparmio possono essere molto vantaggiosi per il risparmiatore sotto molti aspetti, i loro tassi di interesse sono ancora più bassi rispetto alla maggior parte degli altri prodotti di risparmio attuali.

Assicurazione sulla vita

Oltre ai libretti di risparmio, esiste anche un altro metodo d’investimento molto apprezzato da chi desidera avere una garanzia in relazione ai propri risparmi: l’assicurazione sulla vita. Il tasso di interesse offerto con questo tipo di investimento finanziario varia da un’offerta all’altra, ma il rendimento medio si aggira intorno al 3%. Tuttavia, alcune polizze di assicurazione sulla vita come l’hedios e l’hedios patrimoine possono distinguersi dalla folla con un ritorno molto migliore.

La stipula di un’assicurazione sulla vita è soprattutto una questione di guadagno di interessi nel tempo. Ma l’obiettivo principale dell’abbonato è quello di poter mettere da parte il proprio denaro, per prepararsi al pensionamento o per anticipare il finanziamento di un progetto futuro. Un investitore può anche scegliere di investire in questo tipo di investimento in modo che una persona che sceglie in anticipo possa beneficiarne a seguito di un evento futuro. Il fondo investito sarà liberato principalmente in seguito alla morte del risparmiatore, e il beneficiario designato (coniuge, figli, fratelli e sorelle o altri) potrà recuperarlo. Tuttavia, la persona che stipula l’assicurazione sulla vita mantiene il controllo del suo investimento durante la sua vita. Vale a dire che ha il pieno diritto di beneficiarne, di ritirare il suo denaro ogni volta che lo desidera, e quindi di godere degli interessi.

Sebbene la stipula di un’assicurazione sulla vita sia un passo semplice e accessibile a tutti, va notato che al contratto di assicurazione sulla vita possono essere associati vari costi aggiuntivi. Ad esempio, l’assicuratore può addebitare una tassa d’iscrizione al risparmiatore, ma anche le spese associate ad ogni pagamento. L’assicuratore riceverà inoltre una commissione di gestione per l’investimento in questione, con una percentuale che può arrivare fino all’1,5%. Ci sono anche le cosiddette spese di arbitrato, commissioni che entrano in gioco quando i fondi vengono trasferiti.

 

Finanziamento partecipativo

Se i contratti di assicurazione, come quelli offerti da hedios avis, forniscono un certo grado di assicurazione per il risparmiatore, esistono altre alternative più rischiose. E sta emergendo una tendenza in termini di investimenti finanziari rischiosi, finanziamenti partecipativi.

Conosciuto anche in inglese come „crowdfunding“, il principio del finanziamento partecipativo è quello di investire in una start-up con l’obiettivo di poter beneficiare in seguito di premi legati al successo di questa start-up. Queste ricompense possono essere in natura o finanziarie. Così, investendo il vostro denaro per finanziare il progetto della start-up, diventerete un contribuente al progetto in questione. Questo è un buon modo per investire in modo efficiente, ma anche facile, dato che non è necessario investire grandi somme di denaro (di solito a partire da 100 euro). Inoltre, il crowdfunding offre generalmente un rendimento molto più elevato rispetto agli investimenti tradizionali, fino al 6% o anche più.

Tuttavia, il crowdfunding è uno degli investimenti più rischiosi, in quanto è molto lontano dai circuiti finanziari abituali. Innanzitutto, l’investimento viene effettuato tramite una piattaforma online meno affidabile di un istituto finanziario fisico come una banca o un istituto di risparmio. Inoltre, investendo il vostro denaro in una start-up, vi assumete il rischio di investire in un progetto che non è sicuro di funzionare, e che potrebbe anche essere stroncato sul nascere. Ma ciò che è rassicurante è che il settore è in piena espansione e che il tasso di successo dei progetti è sempre più alto, soprattutto quelli culturali.